Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: Vivi i tuoi Sogni di Mike Dooley

Dice il saggio ...
Non dovete fuggire a voi stessi, illudervi, ma essere esattamente edotti di tutti i 'come' e i 'perché' che determinano la vostra condotta... La verità comunicata da un maestro può essere fraintesa, ma le lezioni che impartisce la vita no, lasciano un'esatta traccia nell'individuo (Cerchio '77)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Ricerca » Scienza

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • La rivoluzione interiore Autore: Krishnamurti

  • Alberi e siepi, un patrimonio da salvare

    Alberi e siepi, un patrimonio da salvare

    Una ricerca a Villorba (Tv)

    Due anni per censire lo stato ambientale del verde pubblico del Comune di Villorba.

    Un lavoro certosino affidato al Wwf – Sezione di Villorba che ha potuto fare così il punto della situazione dello stato odierno di siepi, alberi monumentali e formazioni boscate, evidenziando il possibile utilizzo nell'ambito urbanistico-edilizio ed ambientale. Oggi, nel Comune di Villorba sono presenti ancora 615 alberi monumentali sui quali è stata misurata la circonferenza a circa 1.30 metri da terra. Tra i più notevoli senza dubbio il cedro di Villa Fanna con una circonferenza di 5.90 metri, seguito dal Talpon di Lancenigo in via Galanti (incrocio) con 4.05 metri e da altri alberi notevoli come le due querce davanti al Mulino Genovese, ai confini con Carbonera, al pino nel lascito Samarotto e al Vecio Morer vicino davanti all’Osteria di Fontane. Rilevata anche la presenza di vecchie e belle siepi suddivise per fustaia, cedue e a capitozza o filari per un totale di 819 siepi e 116.36 chilometri di estensione, dalle quali sono escluse quelle che non sono state censite per difficoltà di accesso nei fondi agricoli. Infine, sul territorio agricolo sono stati individuati e segnati anche i boschi spontanei e i boschi colturali, costituiti in primis da robinie e noci. Il censimento ha permesso di invidiare 34 aree di boschi a coltura per un’estensione di 16.1 ettari e 15 aree a bosco spontaneo per 42.43 ettari.

    “Si tratta di un buon lavoro – ha spiegato il vicesindaco Giacinto Bonan – che ci permetterà anche di studiare e inserire vincoli che proteggano questo patrimonio verde”. “Bisogna cercare di mettere delle norme di tutela – ha aggiunto il responsabile provinciale del Wwf di Treviso, Loris Donazzon, presentando le schede e le foto aeree realizzate per questo studio – e se sensibilizzare i più giovani al rispetto di alberi e siepi”. L’intenzione è anche quella di produrre una pubblicazione che sia a uso e consumo dei più piccoli per creare una coscienza di rispetto verso i vecchi alberi e verso il verde che li circonda.

    (07/02/2008 Tg0-positivo)