Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta la nuova collana Il Filo Verde di Arianna

Dice il saggio ...
Come la natura di per sé ci porta ad amare i cibi saporiti e i bei colori, così la bontà è in noi e non di fuori di noi (Confucio)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Arte » Pittura

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Astrologia Siderale

  • Chicchi di caffè tra luci e colori

    Chicchi di caffè tra luci e colori

    Il nuovo calendario della Goppion Caffè (Tv)

    Colori vivaci e luminosi che ricordano le tonalità provenzali, in quel gioco di azzurro e oro che rappresentano il cielo e il sole.

    A comporre quest’anno il nuovo calendario collezione della Goppion, in distribuzione in 58 mila copie presso le Caffetterie Goppion, i Pane&Caffè e molti altri punti clienti, sono infatti dodici opere pittoriche realizzate dall’artista Piero Casarin che le ha create appositamente per l’Azienda. Si tratta di un progetto voluto fortemente dall’imprenditrice Paola Goppion – anche se il calendario aziendale esiste da almeno un trentennio - che è riuscita, in questo modo, a creare un felice connubio tra le politiche aziendali e le espressioni culturali. La Goppion, ogni anno, personalizza così il calendario con cui si rivolge alla propria clientela e, dopo aver valorizzato nel 2007 i lavori espressivi di un gruppo di utenti dei servizi psichiatrici dell’Ulss 9 sostenuti dal Dipartimento di salute mentale (Dsm) e dalle Cooperative sociali Cantieri e Sentieri - in un proficuo incontro tra mondo del lavoro, disagio e arte - ha affidato l’incarico per il 2008 a un pittore trevigiano che vive a Castagnole.

    Piero Casarin, artista sensibile appassionato della natura e dei suoi colori, tradizionalmente volto ad una pittura dedicata a scorci di paesaggi veneti incantati dall’andirivieni delle stagioni nella sua spontanea creatività, ha affrontato così per la prima volta un tema particolare, istituzionale aziendale e dedicato, in questo caso, al mondo del caffè. Ed ecco per gennaio le tradizionali bacche rosse del caffè maturo, alle quali seguono nei mesi successivi giocose confezioni di caffè o tazzine, la casa dell’artista, vicino ai libri della sua libreria oppure in divertenti collages fatti dello stesso caffè o di frammenti di materiali da imballaggio.

    Nel mese di maggio, invece, l’apparizione del vecchio marchio della Goppion in corsivo, utilizzato fino al 1968, non è casuale poiché proprio in quel periodo ricorrerà il 40° anniversario dell’inaugurazione dello stabilimento Goppion in via Terraglio.

    (17/01/2008 Tg0-positivo)