Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: The Bond - Il Legame Quantico di Lynne Mc Taggart

Dice il saggio ...
Tutte le volpi alla fine si rivedono in pellicceria (Anonimo)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Riflessioni » Religione

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Il Codice del Denaro

  • Laicismo e religioni possono convivere? Studiosi laici ital

    Laicismo e religioni possono convivere? Studiosi laici italiani a convegno

    Numeroso il pubblico accorso anche quest’anno a Montegrotto Terme (Pd) per il III Congresso di Studi Laici sul Cristianesimo

    Un evento unico nel panorama nazionale che, da ormai tre anni, conduce nell’amena cittadina termale di Montegrotto Terme (Pd) studiosi laici di tutto il Paese.

    E’ accaduto domenica 28 ottobre 2007 a Montegrotto Terme (Pd) dove si è tenuto il III Congresso Nazionale di Studi Laici sul Cristianesimo dedicato al tema “Principi laici e fede religiosa. Laicismo e religioni possono convivere?”, organizzato dal Circolo Bertrand Russell di Treviso in collaborazione col Circolo Ighina di Montegrotto Terme, Salute & Ambiente di Cadoneghe (Pd) e il patrocinio del Comune di Montegrotto Terme, sempre attento a diffondere cultura e momenti di confronto.

    “Quest’anno abbiamo voluto proporre un tema sicuramente diverso dalle precedenti edizioni ma che ad esse è legato da una particolare relazione culturale – ci ha raccontato l’ideatore del congresso, il presidente del Circolo Bertrand Russell di Treviso, Lodovico Mazzero – Viviamo infatti in un periodo in cui all’apparente “tolleranza” verso le idee altrui si contrappongono atteggiamenti spesso di forte ostracismo contro chi non si allinea sulle posizioni dominanti. E, almeno qui in Italia, è indubbio che la voce del leone è imposta dalle gerarchie ecclesiastiche che, approfittando della sempre più evidente debolezza della laicità “statale”, non mancano occasione per intromettersi nella vita sociale di qualsiasi cittadino. Insieme a relatori illustri abbiamo così voluto esaminare come una “confessione religiosa”, in questo caso quella cristiana, sia riuscita a influenzare così tanto il pensiero di certi intellettuali da impedirgli un distaccato approccio ai temi religiosi”.

    Il III Congresso ha cercato dunque di rispondere all’essenziale domanda: è possibile professarsi “laici” in questa nostra società, oppure l’alternativa alla devozione religiosa è rappresentata solo dagli assunti ateistici o agnostici?

    Partendo dal pensiero di un eminente “non cristiano” quale si dichiarava Bertrand Russell (Lodovico Mazzero - Veneto), fino agli esponenti di una critica radicale mai sopita contro la Chiesa stessa (Edoardo Semmola - Toscana). Nel mezzo un excursus dei rapporti tra Chiesa e Stato (Enrico Galavotti - Emila Romagna), seguito da riflessioni sul senso della religione cattolica in una società moderna (Walter Peruzzi - Lombardia) e da esempi delle contraddizioni insite nell’insegnamento dogmatico (Alfredo Alì - Campania), lette anche con una sana dose di umorismo (Walter Basso - Veneto), elemento purtroppo da sempre assente nel Cattolicesimo, da far sospettare che siano inevitabili gli atteggiamenti omertosi manifestati in taluni tragici avvenimenti (Pino Nicotri - Lombardia).

    I contributi dei relatori, moderati dal presidente del Bertrand Russell Lodovico Mazzero, hanno suscitato una viva partecipazione tra il pubblico accorso numeroso sia al mattino che al pomeriggio, stimolando una discussione costruttiva e partecipe. Il Congresso ha così dimostrato, per la terza volta consecutiva, come sia possibile riunire con successo, studiosi e pubblico uniti da un comune interesse per gli Studi Laici sul Cristianesimo. Un’esigenza che è stata manifestata a più riprese nel corso della giornata e che pone le basi fondamentali per un impegno duraturo nel tempo.

    "Ciò che è importante - ha affermato il presidente Mazzero, chiudendo i lavori del congresso - è che ognuno di noi ritorni adesso alle proprie case e alla propria vita facendo tesoro di quanto appreso oggi. In famiglia, nelle associazioni, nella propria vita quotidiana, possiamo tutti impegnarci per diffondere la conoscenza e far sì che vi sia libertà di pensiero".

    La registrazione integrale degli interventi sarà disponibile a breve su CD. Per averla contattare il Circolo Ighina www.ighina.it o il Circolo Bertrand Russell www.circolorussell.it.

    (30/10/2007 Tg0-positivo)