Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: Il Meglio di Te con il Coaching

Dice il saggio ...
Non si capisce per sapere, si sa per capire. (Grazia Maria Coppolino)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Ricerca » Storia

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Origami.Guida completa all'arte di piegare la carta Autore: Rick Beech

  • Al fronte e in prigionia

    Al fronte e in prigionia

    Un libro memoria scritto dallo storico Camillo Pavan

    È uscito in questi giorni “Al fronte e in prigionia. La seconda guerra mondiale nel racconto dell'artigliere Guido Granello”, un volumetto edito dalla CSC di Santa Lucia di Piave.

    Si tratta di una “storia di vita” raccolta da Camillo Pavan, studioso trevigiano che nelle sue ricerche sul fiume Sile e sulla Grande Guerra ha sempre dato largo spazio alle testimonianze orali.

    In questo lavoro Pavan riporta, sotto forma di racconto in “presa diretta”, la sintesi di una serie di conversazioni con un reduce dell'ultima guerra, chiamato alle armi a vent'anni nel marzo del 1940 e ritornato al paese settantadue mesi più tardi, nel marzo del 1946.

    L'artigliere Granello, inquadrato a Mantova nel “IV Reggimento contraerei”, partì per le esercitazioni a fuoco nelle montagne fra Liguria e Piemonte. Allo scoppio della guerra si trovava sul Colle di Tenda per contrastare col cannone 75/46 dell'Ansaldo gli aerei francesi e inglesi che andavano a bombardare il porto di Genova. Dopo i pochi giorni nelle Alpi occidentali, la guerra di Guido continuò nella sabbia infuocata del deserto libico. «E sempre con la stessa divisa di panno», ricorda. «Si moriva dal freddo in montagna, si moriva dal caldo nel deserto».

    In Libia, le truppe italiane guidate da Rodolfo Graziani dapprima avanzarono per 120 km in territorio egiziano fino a Sidi el Barrani, ma all'inizio di dicembre del 1940 subirono la controffensiva della Western Desert Force inglese che, nel giro di due mesi, sbaragliò la Decima armata italiana (oltre 130.000 uomini) e occupò l'intera Cirenaica.

    Catturato a Bardia il 5 gennaio 1941, il nostro artigliere fu rinchiuso per una ventina di giorni nelle “gabbie di reticolato” (e chèbe) presso Alessandria d'Egitto e poi trasferito in Sudafrica nella stiva di una nave da carico inglese. Un viaggio che durò ventisette interminabili giorni, con un trattamento ai limiti della sopravvivenza, in spregio alle più elementari norme della Convenzione di Ginevra.

    In Sudafrica Granello venne destinato al campo di Zonderwater, insieme a migliaia di altri soldati catturati in Libia e in Africa Orientale. Il campo di concentramento era enorme, forse il più grande fra i campi della Seconda guerra mondiale. Tuttavia una gestione sostanzialmente corretta vi rese sopportabile la permanenza, pur con tutta la durezza di una vita tra i reticolati. Basti pensare che fra i 92.000 prigionieri che transitano a Zonderwater si contarono circa trecento morti: una cifra ben lontana dagli impressionanti tassi di mortalità dei prigionieri italiani nella Russia comunista (oltre il 25%), nella Germania nazista (7,5%) o in mano ai democratici “alleati” francesi (7,3%) .

    Proprio con una nave francese avvenne il ritorno in patria. L'equipaggio «ce l'aveva su a morte con gli italiani perché gli avevamo dato “la pugnalata alla schiena” all'inizio della guerra», ricorda Granello, e pur essendo la nave sotto l'egida della Croce Rossa e la guerra ormai finita da un anno «ci hanno fatto patire la fame per diciassette giorni, fino a Suez». Qui i prigionieri furono consegnati agli inglesi per l'ultima tappa, il porto di Napoli.

    Da Napoli, con un viaggio avventuroso sulla dissestata rete ferroviaria che risale l'Italia su un unico binario (con precedenza per gli Alleati), Granello giunse finalmente a Mestre e poi a Treviso la notte dell'11 marzo 1946.

    Un racconto che ha la capacità di entrare dentro ai fatti, vissuti sulla propria pelle, dove solo la testimonianza di chi ha visto con i propri occhi ha ancora un senso. Un libro da leggere perché scritto in modo agevole e chiaro da un autore che parla ai cuore con le parole.

    Camillo Pavan, Al fronte e in prigionia. La seconda guerra mondiale nel racconto di Guido Granello. Colle di Tenda - Sidi el Barrani – Bardia – Zonderwater. Pagine 64, euro 9, CSC edizioni (0438-460030).

    (13/12/2007 Tg0-positivo)