Condividi: Ok Notizie Technorati Virgilio Facebook
Mail Tg0+Scrivi alla redazione di Tg0-positivo

Macrolibrarsi.it presenta il libro: La Pillola

Dice il saggio ...
I giurati sono dodici uomini scelti per giudicare quale sia il migliore avvocato (J.Polland)

Altri link utili nelle seguenti categorie di Tg0-positivo:
Tu sei unico » Arte » Pittura

La libreria di Tg0-positivo - Cerca tutti i libri che vuoi e altri prodotti originali a prezzi speciali su Macrolibrarsi
  • Questo strano mondo. Giochi per imparare a improvvisare Autore: Chiara Liuzzi

  • Pennellate di musica

    Pennellate di musica

    Una mostra del celebre Giusto Pio a Treviso

    È noto al grande pubblico per aver collaborato con diversi cantautori italiani, tra cui Franco Battiato, Alice e Milva.

    Ma nonostante la vita lo abbia condotto presto lontano dalla sua terra, Giusto Pio è ancora profondamente radicato alla Marca Trevigiana e alla sua Castelfranco Veneto, che ne ha visto i natali l’11 gennaio 1926. Compositore e violinista italiano, completata una formazione musicale classica a Venezia, Pio venne ingaggiato come violinista all'orchestra della Rai e da lì iniziò la sua carriera, spesso dietro le quinte, ma dall’alto spessore artistico e dalle molteplici sperimentazioni, anche in campo pittorico.

    Ed è proprio Treviso dunque ad aver accolto, fino all’8 luglio prossimo, la sua personale pittorica “Struttura e poesia nella musica dipinta” al Museo Civico di Santa Caterina di Treviso, allestita dal Centro per la Cultura e le Arti Visive Le Venezie, con il patrocinio del Comune di Treviso, della Regione Veneto, della Provincia di Treviso.

    L’esposizione, inaugurata lo scorso 10 giugno alla presenza del cantautore Franco Battiato, comprende dipinti a olio, pastelli e chine che accompagnano in un percorso ideale che inizia con i tetragrammi di Guido d’Arezzo – come ha commentato Luigina Bortolatto, ideatrice e curatrice della mostra - Si presentano in forma aniconica originale senza ignorare esperienze di artisti contemporanei: Michau, Wols Mathieu... Ogni partitura rappresenta un frammento del progetto di una diversa concezione della musica che fa rifuggire l’autore da qualsiasi pedanteria sistematica, da Motore Immobile del ‘79 alla performance Preludio e Morte del solfeggio vera satira del ’98... Tra i dipinti Canto sospeso è dedicato all’opera omonima di Luigi Nono, capolavoro di alta coscienza morale perpetuata da Pio in parecchie composizioni: Missa Populi, Adam ubi es, Trittico...”. Come annunciato da Emilio Lippi dei Musei cittadini, “questa mostra aprirà la stagione che vedrà le esposizioni pittoriche di Giusto io e Franco Battiato insieme, allestite per gli inizi del 2011”.

    L’esposizione, dopo Treviso, sarà ospitata ad Auronzo di Cadore nel Salone del Palazzo Municipale, da sabato 17 luglio a venerdì 30 luglio 2010.

    Orari a Treviso: martedì – domenica dalle 9 alle 12.30, dalle 14.30 alle 18.00. Lunedì chiuso.

    Per saperne di più su Giusto Pio

    Intervista a Franco Battiato

    Paola Fantin

    (15/06/2010 Tg0-positivo)